Home Spettacolo dal vivo Comunicati 10-05-2018: FUS 2018

10-05-2018: FUS 2018

10/05/2018: FONDO UNICO PER LO SPETTACOLO 2018

Il Fondo Unico per lo Spettacolo quest’anno ha viste azzerate le risorse previste, pari ad 9 milioni in mezzo per il 2018. L’azzeramento è dovuto a quanto previsto dalla legge di Stabilità che ha destinato solo ad alcuni soggetti tale importo.
Il Ministro, in sede di consulta dello spettacolo, si era impegnato a recuperare tali risorse.
Per questo, con lettera unitaria, avevamo inviato richiesta di integrare il FUS con le risorse accantonate dalla legge n. 190 del 2014.

Informalmente sappiamo che la Presidenza del Consiglio ha deciso di non integrare il FUS, e che circa una quindicina di nuovi soggetti sono stati accolti, nell’ambito della triennalità.
Questo comporta una previsione, per molti soggetti, di riduzione delle risorse previste per il 2018 (ovviamente per gli anni successivi dipenderà dallo stanziamento previsto per il FUS).
Sappiamo già, sempre informalmente, che il taglio riguarderà le Fondazioni Lirico Sinfoniche (che si aggiunge alla riduzione di quelle ordinarie per effetto delle integrazioni dovute, in quanto speciali, alla Scala e al Santa Cecilia).
E’ stato pubblicato il decreto per l’esclusione dalla triennalità delle imprese della danza (allegato). L’esclusione riguarda per numerose imprese che hanno avuto il finanziamento per il triennio precedente anche con importi significativi. E’ chiaro che tale esclusione mette a rischio la sopravvivenza delle imprese e comunque cadrà sulle condizioni dei lavoratori. Per meglio capire l’effetto vi allego il foglio excel che riporta i finanziamenti ai soggetti della danza riportando anche le imprese e il luogo dove sono presenti. Vi invito a contattare quanto prima queste imprese, anche ai fini della verifica delle condizioni dei lavoratori.
La situazione è comunque in generale molto preoccupante, anche alla luce della recente sottoscrizione dei CCNL della prosa e degli scritturati. Avevo, nell’ambito della Consulta dello Spettacolo denunciato al Ministro che un mancato ulteriore finanziamento del Fondo Unico per lo Spettacolo poteva mettere a rischio la trattativa contrattuale e l’applicazione di un futuro CCNL. E’ evidente che si impone una decisa presa di posizione da parte nostra. Per questo riceverete successive comunicazioni.
Vi invito intanto ad inviare alla scrivente notizie circa le crisi dei teatri e delle strutture finanziate dal FUS, in particolare per quanto riguarda i mancati pagamenti dei dipendenti e degli scritturati.
Per quanto riguarda la stampa dei CCNL della prosa e degli scritturati comunico che le cattive condizioni economiche dell’AGIS rendono difficile questa stampa. Stiamo provando a vedere se unendo le forze (imprese e OO.SS) troviamo le risorse necessarie per la stampa. Per questo vi terrò informati.

 

Slc Cgil Nazionale

Emanuela Bizi

vediamoci su facebook